Monday, March 29, 2021
Regole penitenziarie europee

Regole penitenziarie europee

Le regole devono essere applicate imparzialmente. Non si deve operare alcuna discriminazione per razza, colore, sesso, lingua, religione, opinioni politiche o di altro tipo, origini sociali o nazionali, nascita, condizione economica o di altro tipo.

Le credenze religiose e i principi morali del gruppo al quale appartiene il detenuto devono essere rispettati. Il loro compito deve consistere in particolare nel sorvegliare se ed in quale misura questi istituti sono amministrati conformemente alle leggi ed ai regolamenti in vigore, agli obiettivi dei servizi penitenziari e alle norme contenute in queste regole.

Queste regole devono essere portate a conoscenza del personale nella lingua nazionale. Esse devono essere anche disponibili per i detenuti nella stessa lingua e in altre lingue, nella misura del possibile. In ogni luogo ove vi siano persone in detenzione una completa e sicura registrazione delle seguenti informazioni deve essere conservata, per ogni detenuto:. Le procedure di ingresso devono essere conformi a principi fondamentali contenuti nelle regole e idonee ad aiutare i detenuti a risolvere i propri urgenti problemi personali.

Ogni fascicolo deve contenere il referto del sanitario e i rapporti del personale che si trova in diretto contatto con il detenuto internato. I fascicoli e le informazioni relative ai detenuti devono essere mantenuti, con il debito riguardo al loro carattere riservato, in dossier individuali regolarmente aggiornati ed accessibili alle sole persone autorizzate.

I detenuti devono in linea di principio essere alloggiati durante la notte in camere individuali, salvo nel caso in cui sia considerata vantaggiosa una sistemazione in comune con altri detenuti.

Tutti i locali di un istituto devono essere sempre mantenuti in perfetto stato di ordine e pulizia. I detenuti devono essere obbligati a mantenere pulite le loro persone e, per questo fine, essi devono disporre di acqua e degli articoli di toilette necessari per la loro igiene e pulizia.

I detenuti che non sono autorizzati a portare indumenti propri devono ricevere un vestiario adatto al clima e tale da mantenerli in buona salute. Tale vestiario non deve essere in alcuna maniera degradante o umiliante.

Tutti gli indumenti devono essere puliti e mantenuti in buono stato. Ogni detenuto deve disporre di un letto individuale e di effetti letterecci personali e idonei che devono essere mantenuti in buono stato e cambiati con la frequenza necessaria ad assicurarne la pulizia.

Essi devono comprendere un servizio psichiatrico per la diagnosi e, nel caso, per il trattamento delle turbe psichiche. I detenuti malati che richiedono cure speciali devono essere ricoverati in Istituti specializzati o in strutture sanitarie civili.

Ogni detenuto deve poter usufruire delle cure di un dentista qualificato. I detenuti non possono essere sottoposti ad alcun esperimento che possa provocare loro un danno fisico o morale. Il sanitario deve aver cura della salute fisica e psichica dei detenuti. Il direttore deve prendere in considerazione i rapporti e i pareri del sanitario previsti dalle regole Quando necessario e possibile, il detenuto deve essere autorizzato a discolparsi per mezzo di un interprete.

In ogni caso tali misure non devono mai essere contrarie ai principi posti dalla regola Il sanitario deve visitare giornalmente i detenuti che subiscono tali sanzioni disciplinari e deve fare rapporto al direttore se ritiene necessario porre fine alla sanzione o modificarla per ragioni di salute fisica o psichica.

Le manette, le camice di forza e altri mezzi di contenzione non saranno mai impiegate a titolo di sanzione. Essi non potranno essere utilizzati che nei casi seguenti:. La loro applicazione non deve essere prolungata oltre il tempo strettamente necessario. Comunque, i ricorsi contro decisioni formali possono essere limitati alle procedure autorizzate. Per incoraggiare i contatti con il mondo esterno, deve essere previsto un sistema di permessi compatibile con gli obiettivi del trattamento che sono oggetto della Parte IV di queste regole.Slideshare uses cookies to improve functionality and performance, and to provide you with relevant advertising.

If you continue browsing the site, you agree to the use of cookies on this website. See our User Agreement and Privacy Policy. See our Privacy Policy and User Agreement for details.

Published on Mar 29, SlideShare Explore Search You. Submit Search. Home Explore. Successfully reported this slideshow. We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime. Upcoming SlideShare. Like this presentation? Why not share! Embed Size px. Start on. Show related SlideShares at end. WordPress Shortcode. Published in: Education. Full Name Comment goes here.

Are you sure you want to Yes No. Be the first to like this. No Downloads. Views Total views. Actions Shares.

regole penitenziarie europee

No notes for slide. Prison in Europe domenica 29 marzo 15 3. I tassi di detenzione indicano il numero di persone detenute per ogni The rates of detention point out people's number held for each Si ritrovano nelle carceri in gran parte persone povere bisognose di assistenza Prison density is an index of the overcrowding of the prison system the ratio between total prison population and total capacity of the prison facilities.

La detenzione penale si sta trasformando in detenzione sociale e le carceri scoppiano ITALIA detenuti presenti The actual prison context is characterized by existential brittleness, migratory projects not succeeded, psychiatric uneasiness, extreme cultural and social poverty.

The exit from the school has often meant the entrances in criminal groups. All the member states of the UE must promote the european citizen through the education. European Court 30 giugno domenica 29 marzo 15 Istruzione In the jail the relationship with the food is a very delicate matter for the multicultural dimension, the behaviors of consumption, the closed place perpetually and the restrictions.

In this context, "Taste of Freedom", in the 6 European jails, has been able to experiment activity that has opened authentic educational spaces, cooperation and communication with other environments.Regole minime per il trattamento dei detenuti. Le regole sono state elaborate per servire da parametro. Parte prima. Principi fondamentali. Le regole devono essere applicate imparzialmente. Non si deve operare alcuna discriminazione per razza, colore, sesso, lingua, religione, opinioni politiche o di altro tipo, origini sociali o nazionali.

Le credenze religiose e i principi morali del gruppo al quale appartiene il detenuto devono essere rispettati. Il loro compito deve consistere in particolare nel sorvegliare se ed in quale misura questi istituti sono amministrati conformemente alle leggi e ai regolamenti in vigore, agli obiettivi dei servizi penitenziari e alle norme contenute in queste regole. Queste regole devono essere portate a conoscenza del personale nella lingua nazionale. Esse devono essere anche disponibili per i detenuti nella stessa lingua e in altre lingue, nella misura del possibile.

Parte seconda. Gestione degli istituti penitenziari. Ingresso e registrazione.

regole penitenziarie europee

Le procedure di ingresso devono essere conformi ai principi fondamentali contenuti nelle regole e idonee ad aiutare i detenuti a risolvere i propri urgenti problemi personali. Ogni fascicolo deve contenere il referto del sanitario e i rapporti del personale che si trova in diretto contatto con il detenuto internato. I fascicoli e le informazioni relative ai detenuti devono essere mantenuti, con il debito riguardo alloro carattere riservato, in dossier individuali regolarmente aggiornati ed accessibili alle sole persone autorizzate.

Assegnazione e classificazione dei detenuti. Locali di detenzione. I detenuti devono in linea di principio essere alloggiati durante la notte in camere individuali, salvo nel caso in cui sia considerata vantaggiosa una sistemazione in comune con altri detenuti.

Tutti i locali di un istituto devono essere sempre mantenuti in perfetto stato di ordine e pulizia. I detenuti devono essere obbligati a mantenere pulite le loro persone, e, per questo fine, essi devono disporre di acqua e degli articoli di toilette necessari per la loro igiene e pulizia. Vestiario e corredo per il letto. I detenuti che non sono autorizzati a portare indumenti propri devono ricevere un vestiario adatta al clima e tale da mantenerli in buona salute. Tale vestiario non deve essere in alcuna maniera degradante o umiliante.From professional translators, enterprises, web pages and freely available translation repositories.

Garantire che la realizzazione e il funzionamento delle strutture penitenziarie di nuova costruzione avvengano nel rispetto delle pertinenti convenzioni internazionali.

Dare piena applicazione alle norme in materia di deontologia, controlli interni e standard professionali in tutti gli organismi preposti all'applicazione della legge, nel settore giudiziario e nelle amministrazioni penitenziarie. Utile gyna esta estin andri penitenziario. Responsabile del trattamento disumano e crudele dei prigionieri politici D.

Bondarenko, A.

Regole penitenziarie europee (1987)

Sannikau e A. Beliatski nella colonia penitenziaria IK-2 a Bobruisk. Vice capo della colonia penitenziaria IK-9 a Mazyr. Responsabile del trattamento disumano dei prigionieri politici D. Capo della colonia penitenziaria IK-2 a Bobruisk. More context All My memories Ask Google. Add a translation. Italian regole penitenziarie europee. Italian Garantire che la realizzazione e il funzionamento delle strutture penitenziarie di nuova costruzione avvengano nel rispetto delle pertinenti convenzioni internazionali.

Italian Dare piena applicazione alle norme in materia di deontologia, controlli interni e standard professionali in tutti gli organismi preposti all'applicazione della legge, nel settore giudiziario e nelle amministrazioni penitenziarie.

Italian Utile gyna esta estin andri penitenziario. Italian Responsabile del trattamento disumano e crudele dei prigionieri politici D. Italian Vice capo della colonia penitenziaria IK-9 a Mazyr. Italian Responsabile del trattamento disumano dei prigionieri politici D. Italian Capo della colonia penitenziaria IK-2 a Bobruisk.

Italian per il personale penitenziario, se il rischio si materializza durante il periodo di servizio:. Italian che hanno il diritto di beneficiare del regime pensionistico del personale penitenziario:. Get a better translation with 4, human contributions. We use cookies to enhance your experience. By continuing to visit this site you agree to our use of cookies. Learn more.Torna indietro. Adopted by the Committee of Ministers on 11 January at the nd meeting of the Ministers' Deputies.

The Committee of Ministers, under the terms of Article Having regard also to the work carried out by the European Committee for the Prevention of Torture and Inhuman or Degrading Treatment or Punishment and in particular the standards it has developed in its general reports. Reiterating that no one shall be deprived of liberty save as a measure of last resort and in accordance with a procedure prescribed by law. Stressing that the enforcement of custodial sentences and the treatment of prisoners necessitate taking account of the requirements of safety, security and discipline while also ensuring prison conditions which do not infringe human dignity and which offer meaningful occupational activities and treatment programmes to inmates, thus preparing them for their reintegration into society.

Considering it important that Council of Europe member states continue to update and observe common principles regarding their prison policy. Considering, moreover, that the observance of such common principles will enhance international co-operation in this field. Noting the significant social changes which have influenced important developments in the penal field in Europe in the course of the last two decades.

Endorsing once again the standards contained in the recommendations of the Committee of Ministers of the Council of Europe, which relate to specific aspects of penitentiary policy and practice and in particular No. R 89 12 on education in prison, No. R 93 6 concerning prison and criminological aspects of the control of transmissible diseases including AIDS and related health problems in prison, No. R 97 12 on staff concerned with the implementation of sanctions and measures, No. R 98 7 concerning the ethical and organisational aspects of health care in prison, No.

R 99 22 concerning prison overcrowding and prison population inflation, Rec 22 on conditional release paroleand Rec 23 on the management by prison administrations of life sentence and other long-term prisoners.

Considering that Recommendation No. R 87 3 of the Committee of Ministers on the European Prison Rules needs to be substantively revised and updated in order to reflect the developments which have occurred in penal policy, sentencing practice and the overall management of prisons in Europe.

Appendix to Recommendation Rec 2. All persons deprived of their liberty shall be treated with respect for their human rights. Persons deprived of their liberty retain all rights that are not lawfully taken away by the decision sentencing them or remanding them in custody.

\

Life in prison shall approximate as closely as possible the positive aspects of life in the community. All detention shall be managed so as to facilitate the reintegration into free society of persons who have been deprived of their liberty.

Co-operation with outside social services and as far as possible the involvement of civil society in prison life shall be encouraged. Prison staff carry out an important public service and their recruitment, training and conditions of work shall enable them to maintain high standards in their care of prisoners.

These rules shall be applied impartially, without discrimination on any ground such as sex, race, colour, language, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a national minority, property, birth or other status. No person shall be admitted to or held in a prison as a prisoner without a valid commitment order, in accordance with national law.Basti pensare ai problemi di gestione del personale di Polizia Penitenziaria, diviso tra due Dipartimenti nella gestione, unito nella formazione, diviso nel calcolo degli organici Inizialmente hanno accettato di buon grado lo spostamento amministrativo, pensando in tal modo di liberarsi una volta per tutte della presenza del Corpo di Polizia Penitenziaria nelle proprie pratiche di lavoro.

Di quali numeri stiamo parlando? Il suddetto personale attualmente ha in carico 5. Nel sono stati eseguiti circa In Lombardia gli Uepe di Milano, Pavia.

Brescia, Como, Mantova e le sedi distaccate di Varese e Bergamo gestiscono circa Raccomandazione n. R 1 sulla Probation. R 92 16 sulle Regole Europee sulle sanzioni e misure applicate in area penale esterna.

Inoltre, le presenti regole sono complementari alle collegate disposizioni della Raccomandazione n. R 99 19 sulla mediazione in ambito penale, della Raccomandazione n.

R sulla liberazione condizionale o sulla paroladella Raccomandazione n. Previous page Next page. Polizia Penitenziaria n. Polizia Penitenziaria. Published on May 31, Go explore.Occorre che gli Stati membri abbiano una migliore conoscenza reciproca dei sistemi di giustizia penale. Il Consiglio ha invitato la Commissione a presentare un Libro verde sulla custodia cautelare. Il presente Libro — che fa parte del pacchetto dei diritti procedurali — rappresenta la risposta della Commissione alla richiesta del Consiglio.

Si potrebbero anche esaminare questioni quali alternative alla reclusione, progetti pilota in materia di detenzione e migliori prassi per quanto riguarda la gestione delle carceri. Per diversi anni il Parlamento europeo ha sollecitato la Commissione a intraprendere azioni su varie questioni nel settore della detenzione. Le questioni sulla detenzione, sia che si riferiscano ai detenuti in attesa di giudizio, sia che riguardino le persone condannate, rientrano nella competenza degli Stati membri.

Le condizioni di detenzione possono avere un impatto diretto sul buon funzionamento del principio di reciproco riconoscimento delle decisioni giudiziarie.

I detenuti in attesa di giudizio e quelli condannati hanno diritto a un ragionevole livello di condizioni di detenzione. Di norma le decisioni giudiziarie sono eseguite dai giudici nello Stato di esecuzione. Potrebbe essere difficile sviluppare una stretta cooperazione giudiziaria tra Stati membri a meno che non vengano compiuti ulteriori sforzi per migliorare le condizioni di detenzione e promuovere alternative alla custodia cautelare.

Una serie di strumenti di riconoscimento reciproco sono potenzialmente interessati dalla questione delle condizioni di detenzione.

Le regole penitenziarie europee

I problemi sorgono sia in fase pre-processuale che post-processuale[9]. Essa stabilisce un sistema di trasferimento dei detenuti condannati allo Stato membro di cui sono cittadini o in cui risiedono abitualmente o in uno Stato membro con il quale hanno stretti legami.

Le persone condannate che non vogliono essere trasferite potrebbero sostenere che il trasferimento comporterebbe il rischio di venire sottoposti a un trattamento inumano o degradante.

La decisione quadro elimina la norma che prevedeva che la persona condannata debba dare il suo assenso al trasferimento. Sussiste il rischio che i trasferimenti possano essere utilizzati per alleggerire il sovraffollamento in uno Stato membro, eventualmente aggravando il sovraffollamento in un altro. Sussiste il rischio che lo Stato di esecuzione abbia un sistema di scarcerazione anticipata meno generoso rispetto allo Stato emittente.

Tale decisione quadro si riferisce alla fase post-processuale. Essa applica il principio di riconoscimento reciproco a molte delle alternative alla detenzione e alle misure che agevolano la scarcerazione anticipata. La decisione quadro applica il principio di riconoscimento reciproco a molte delle alternative alla detenzione e a misure che agevolino la scarcerazione anticipata.

Ad esempio: Hans, residente nello Stato membro A viene arrestato e accusato di un reato nello Stato membro B.

regole penitenziarie europee

Sono efficaci? E, in caso affermativo, come? E cosa pensa del funzionamento della decisione quadro relativa al trasferimento dei detenuti? Essa va applicata soltanto nel caso in cui tutte le altre misure vengano considerate insufficienti.

Alcuni paesi non hanno stabilito un limite massimo alla custodia cautelare. Il diritto a un processo rapido e a una scarcerazione in fase pre-processuale a meno che esistano motivi imperativi per mantenere la persona in custodia cautelare rappresenta un diritto importante. Alcuni Stati membri hanno stabilito un termine di legge massimo per la custodia cautelare.

Cosa ne pensa?


thoughts on “Regole penitenziarie europee

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *